Tagged: Progressive

0

Photograph

Molti non lo sanno ma, tra i membri dei Beatles, Ringo Starr era quello che riceveva più lettere e affetto dai fan ed è perfettamente inutile domandarsi quale fosse la causa del fenomeno: come si poteva non amare Ringo? lui era quello semplice, tendenzialmente felice e vero portabandiera dei valori...

0

Marta

L’epoca d’oro del progressive, grossomodo i primi due terzi degli anni settanta, fu anche l’epoca d’oro del 33 giri che improvvisamente si ritrovò a essere considerato opera d’arte come oggetto in sé e non soltanto per il contenuto. L’artwork, oggi si chiama così, acquisì la medesima importanza della musica spingendo creativi,...

0

Baciami Alfredo

Come già vi ho spiegato altrove, cari i miei 7 lettori, il progressive non mi è mai piaciuto, a parte alcune lodevoli deroghe, soprattutto perchè il rock’n’roll mi ha visto nascere, il beat mi ha svezzato e, come se tutto ciò non fosse sufficiente, è stato il punk che mi ha insegnato a...

0

The Monthly Cover: Jenny Sorrenti – Lampo

Per il mio contributo alla rubrica The Montlhy Cover avrei voluto farvi ascoltare una canzone di Jenny Sorrenti tratta dal suo secondo e omonimo album, intitolata Muri di Borgata, che a me piace davvero moltissimo e che vanta un testo, benchè cantautoriale, capace di evocare immagini nella più pura tradizione...

0

The Monthly Cover: Jenny Sorrenti

 Jenny Sorrenti, in copertina a febbraio, è la sorella del forse più conosciuto Alan Sorrenti. Dotata di una voce che definire splendida è addirittura restrittivo è anche autrice raffinata dal gusto sopraffino.  A causa di scelte e percorsi personali ha inciso, dal 1973, soltanto otto album di cui l’ultimo, nel 2011, di nuovo...

0

Campo de’ Fiori

A me piace Lester Bangs, credo lo sappiano proprio tutti, non vorrei però che questa mia spontanea e non sollecitata affermazione vi spingesse a conclusioni affrettate che non hanno il minimo appoggio in quella decisamente trascurabile cosa che chiamiamo realtà: ho sempre apprezzato molto quel che scriveva Lester Bangs senza...

0

Manhattan Folk Story

Mi è sempre piaciuto armeggiare con gli strumenti, da ragazzo, in epoca “progressive” me ne andavo in giro con un flauto traverso infilato nella cintura, pronto a zufolarci dentro a ogni occasione che si profilava all’orizzonte, strimpellavo anche il banjo, suonavo abbastanza bene il mandolino e me la cavavo con l’armonica....

0

Biografie…

A me piace leggere le biografie delle grandi star musicali del passato. Non è di certo voyerismo ma, credo, un modo per ritornare con la mente e con il cuore ad anni più semplici e felici, quelli della mia infanzia, e ripercorrere così vecchie strade che ormai tendo a dimenticare...