Tagged: 33 giri

0

Il paradiso

Dopo tanti anni scrivo ancora canzoni perchè mi viene facile. Se debbo essere completamente sincero non credo siano canzoni di alta qualità ma ogni tanto ce n’è una che mi colpisce in modo particolare, una che mi fa riflettere e pensare che in altre mani potrebbe divenire un successo. Sicuramente si tratta...

0

Marta

L’epoca d’oro del progressive, grossomodo i primi due terzi degli anni settanta, fu anche l’epoca d’oro del 33 giri che improvvisamente si ritrovò a essere considerato opera d’arte come oggetto in sé e non soltanto per il contenuto. L’artwork, oggi si chiama così, acquisì la medesima importanza della musica spingendo creativi,...

0

Tanta voglia di lei

Noi italiani con la storia abbiamo avuto sempre grandi problemi, forse perchè gli uomini che la fanno ci han resi diffidenti, forse perchè, come qualche sociologo afferma, 100 anni di emigrazione, soprattutto maschile, hanno privato il paese dei padri, quelli che inculcano le regole e la morale nelle giovani menti, lasciandoli...

0

Aldo Tagliapietra: Le mie Verità Nascoste

I gruppi rock o beat, per noi ragazzi degli anni 60/70, erano qualcosa che i giovani del terzo millennio, con tutta la buona volontà del caso,  difficilmente sarebbero in grado di capire: rappresentavano un sorprendete punto d’incontro tra la moda, la politica e la religione, un ideale che con la...

0

Io, un’idea e questa rubrica!

Post numero Zero. Quando mi è stato chiesto se volessi scrivere qualcosa per Stonehand mi sono subito domandata se fosse il caso o meno che una persona viscerale, frignona e logorroica (ovvero, la sottoscritta) dovesse tenere una rubrica di musica. Credo che ognuno di voi, a questo punto , stia...

La Serie dei Beatles – n° 0

Generalmente si pensa che i giovani riescano a mettere, rispetto alle persone più anziane, maggiore passione nelle attività che intraprendono e nelle scelte di vario tipo, ma è una colossale bufala. I giovani sono semplicemente “alla scoperta” e man mano che trovano qualcosa che li coinvolge si sentono come investiti...